:::: MENU ::::

Montiamo la A700 EvoII

Allora iniziamo.

Step 1 – Hubs ruota anteriori e posteriori .

Anteriore
(Nota: ST03 ha una testa da 5.0 mm, quella in basso nella foto. ST24 ha la testa da 4.8 mm, in alto in foto)

Posteriore

Step 2 – Semiassi

Semiasse anteriore doppio snodo

ST17-1-S Universal ring set (opzionale). Un’opzione molto utile perchè permette un facile montaggio/smontaggio per la manutenzione del doppio snodo.

Semiasse posteriore.

Montaggio nel blocco hub.

Anteriore

Posteriore

Assemblati

Step 3 – Montaggio dei braccetti.
Il manuale consiglia di mettere gli hubs nei braccetti. Io preferisco prima mettere i braccetti nel telaio per assicurarmi che abbiamo un movimento libero.Questo è molto importante, perchè tra la plastica (P03 ) e il pivot (AT21) c’è poca tolleranza e dobbiamo assicurarci che tutto si muovi liberamente per evitare che i braccetti tirino.

Per prima cosa montiamo i P06-1  che sono la sede dove metteremo la brugola per regolare il droop. Dopo averli inseriti a pressione nel telaio, li spingo verso l’alto e lascio il minor materiale possibile sotto al telaio. Quindi mettiamo un goccio di colla (quella per le gomme) e dopo che è asciugata tagliamo la parte di P06-1 in eccesso. Facendo questo quando metteremo il telaio su una superficie per verificare se sia dritto non avremo nessuna interferenza di pezzi che sporgono.

Ora veniamo ai braccetti. Dopo aver fissato gli AT21 montiamo i P03 sopra. Quindi mettiamo i braccetti e verifichiamo che si muovino liberamente. Per eliminare un eventuale problema di non scorrevolezza possiamo premere con una pinza i P03 in modo che i braccetti si muovino liberamente.

Per montare gli At21 utilzziamo una vite da 6 o da 5 mm.

Veniamo ai fermi della barra antirollio e dell’ upstop. Il manuale suggerisce una vite da 8 mm, ma è meglio usare una vite da 6 o 5 mm perchè il telaio è più sottile.

Montiamo ora le barre anti rollio. Assicuriamoci che il loro movimento sia libero e che non siano piegate.

Ammortizzatori. Gli ammortizzatori arrivano pre-assemblati con SPR02 già montato. Per togliere SPR02 dopo aver tolto la brugola che li tiene fermi può essere necessario tirare con forza.
Dopo aver tolto SPR02 mettiamo l’ammortizzatore nel supporto ammortizzatore AM17. Prima di rimontare SPR02 passiamo un po’ di carta vetrata sulla parte finale degli SPR02 in modo che entrino più facilmente. Mi raccomando di fare attenzione e non rimuovere troppo materiale altrimenti SPR02 si muoverà troppo nella sede e si potrebbe piegare durante il funzionamento

Quando SPR02 è entrato, una piccola parte eccederà dall’altra parte. Questo vuol dire che è posizionato correttamente e si può mettere la brugola per fissarlo. SPR02 non deve spostasi a destra o a sinistra ma deve rimanere perfettamente centrata in posizione verticale di 90 gradi dell’albero dell’ammortizzatore.

Questi nuovi ammortizzatori hanno un minor range di movimento. Nell’immagine sotto potete vedere il massimo del movimento in modo da poterli montare correttamente.

Montaggio della molla e della guida dell’ammortizzatore.

Braccio centrale che fissa gli ammortizzatori. Nelle ultime versioni non viene più utilizzato il foro centrale, e quindi non c’è neanche il foro sul telaio. Sarà necessario solo avvitare i due ammortizzatori.

Montaggio completato

Montaggio dello sterzo. Semplicemente come da manuale

Montaggio FFG 1.1 –  Diff/Palo alloggiamento (culla)

FFG 1.1 banchino

Mettiamo un pezzo di “3M Scotch” per ridurre al minimo la frizione tra la il banchino e la culla.

Servono 6 viti per montare i pezzi del banchino insieme. Lasciamole lente e stringiamole solo dopo aver montato il banchino sul telaio per assicurarci che non forzino e non tweakkino il telaio

Montaggio Diff/Palo

Rimuoviamo un po’ di materiale dalla cover di sotto, per essere sicuri che ci sia un po’ di tolleranza col telaio e che il movimento sia fluido della culla sia fluido.

Ora stringiamo tutte le viti

AGGIORNAMENTO CORREZIONE:
Montaggio della coppia conica G03. Assicuriamoci di montare l’anello SPR06. Questo ci servirà successivamente per fissare e tenere in sede il supporto della corona. Come si può vedere dalla foto l’anello SPR06  ha una piccola protuberanza. Rimuovendola si è sicuri che si avrà un movimento più fluido, quando il supporto corona verrà fissato.

Supporto motore flottante. Una delle parti più suggestive ed innovative dei nuovi kits. Ci sono 4 differenti modi di setup della rigidità, a dipendenza del numero di viti utilizzate per fissare il supporto motore al telaio. Ovviamente se non ci sono viti, questo sarà il modo più morbido.

Il supporto motore si fissa al banchino posteriore e tiene anche il supporto della batteria posteriore

Supporto motore flottante mostrato da sotto

Il supporto motore che viene fissato al supporto motore flottante. L’accoppiamento tra corona pignone è gestito in modo semplice grazie alla brugola laterale. Genialet!

L’intero supporto motore flottante montato sul telaio. Nessuna interferenza con la flessione del telaio

Supporto corona. Questo è il supporto standard incluso nel kit, uguale a quello dei precedenti kit

SD2 Supporto corona ammortizzato. Questa è la seconda versione ed è un optional. Consente una flessione torsionale tra l’asse della corona e il differenziale posteriore consentendo una più dolce accelerazione e una più dolce frenata. In combinazione con il nuovo cardano (foto un po’ più sotto) garantisce le proprietà di una trasmissione a “cinghia” alla nostra macchina a cardano.

AGGIORNAMENTO CORREZIONE: E’ importante montare SD2 in modo corretto. Senza il manuale d’istruzioni ancora disponibile si può sbagliare a montare questi pezzi!
Dopo aver montato ST50 + ST47 insieme al supporto corona AT20-5, va inserito nel banchino posteriore e spinto finché non sentiamo il “clicks” della mollettina SPR06 con l’ingranaggio conico G03. Assicurandoci di aver messo anche il DT03, la plastica a forma di tubo, entra con molta forza ed in una sola direzione.

In alcuni casi SPR06 ha una piccola protuberanza. Per sicurezza che tutto scorra liberamente è consigliabile rimuoverla o verificare che non dia interferenza.

Passiamo ora al nuovo irrigidimento, AM33-5. Ci sono molteplici fori sul telaio, per diverse opzioni di rigidità, permettendo di alterare il flex del telaio in base alle condizioni della pista.

L’irrigidimento può essere montato facendolo scivolare come mostrato qui sotto. Passa in modo preciso, e si posiziona perfettamente dritto sul telaio.

Irrigidimento montato

Passiamo a montare il tubo del sistema FFG. Nella nuova versione in alluminio. La versione in carbonio è sempre disponibile come optional.

Per essere sicuri che l’ asta FFG sia montata correttamente, mettiamola su di un piano di vetro, e posizionandola come nella foto sotto accertiamoci che abbiamo allineato perfettamente le due parti di alluminio. Una volta allineato la parte, spostiamola verso l’esterno del vetro e tenendo premuto avvitiamo la vite.

Ora il passo cruciale è ottenere un movimento libero destra/sinistra della culla del palo/diff anteriore.

Il differenziale a ingranaggi è una versione aggiornata di quello che era contenuto nei precedenti kit, era già acquistabile come parte opzionale, ora è di serie.

Il montaggio è semplice e come suggerito dal manuale, ha un ottima scorrevolezza e non perde. Raramente può essere necessario passare un po’ di carta vetrata sugli ingranaggi per rimuovere i residui di stampa.

Differenziale montato. Tutto in alluminio, veramente di ottima fattura.

A questo punto montiamo gli uniball ST24 sui banchini anteriori e posteriori..

Vediamo ora il cardano. La versione precedente era più sottile, ed era disponibile come optional una versione più spessa. Negli ultimi kit la versione più spessa AT04-2 è di serie. In combinazione con SD2 (optional) permette alla nostra efficientissima trasmissione cardanica di avere anche le proprietà di una “trasmissione a cinghia”.

Il montaggio del cardano non potrebbe essere più semplice. Basta inserire prima la parte posteriore nel supporto corona e poi spingere in avanti fino a sentire il “click” inserendolo nel gearbox anteriore. Per rimuoverlo basta tirare indietro il cardano.

Supporto servo flottante. Prima era disponibile come optional, ora è incluso nel kit.

Può capitare che il supporto si possa spostare leggermente durante un urto, una buona soluzione per creare più attrito ed evitare che si sposti è quella di grattare le parti di contatto tra il supporto servo ed il telaio.

Supporto servo e supporti batteria montati

Passiamo ora ai tiranti. Se il tirante risulta difficile da avvitare nella plastica è possibile usare un po’ di grasso per differenziale per rendere il montaggio più semplice.

Quando montiamo i blocchi sterzo nei braccetti è importante stringere bene le due viti SB25X8 che stringono la plastica P04 che tiene in sede l’uniball inferiore. Dobbiamo stringere abbastanza le viti per evitare che l’uniball si muova verso l’alto ma il movimento destra sinistra deve essere libero. Montiamo infine i link, se il movimento di quest’ultimi risulta poco fluido si può usare il trucco delle pinze come fatto per i P03 che abbiamo visto all’inizio del montaggio.

FINITO

indietro a Trucchi e Consigli